Trufax

foto DIETA E DIABETE

Pagina tradotta da www.trufax.org (Copyright 1996 Leading Edge Research) [0]
http://www.trufax.org/research/f8.html

Tradotto su autorizzazione nel 2001 in Italiano

Diabete e dieta
Sebbene milioni di persone abbiano dei problemi a causa del diabete, in genere non si rendono conto che i loro problemi potrebbero migliorare con dei cambiamenti della dieta. Il diabete ? l'ottava causa di morte negli Stati Uniti, perch? le persone diabetiche sono particolarmente esposte ad arteriosclerosi e a collassi e attacco cardiaco. Gran parte dei diabetici mangiano le stesse cose delle persone sane: come risultato, durante un periodo di 17 anni dalla scoperta della malattia, vanno incontro a problemi seri di salute quali attacchi cardiaci, blocchi renali, collassi e cecit?. Nell'organo dell'Associazione Medica Britannica, il dott. Inder Singh ha riportato uno studio in cui 80 diabetici sono stati sottoposti ad una dieta rigorosa con un apporto di grasso modestissimo -da 20 a 30 gr; al giorno- e assolutamente senza zucchero. Dopo sei settimane il 60% ha fatto a meno dell'insulina, poi la cifra ? aumentata fino al 70%, mentre invece gli altri avevano bisogno solo di una piccola parte della quantit? di insulina che prendevano d'abitudine. Si continu? a tenere sotto controllo gli 80 pazienti per periodi che variarono dai 6 mesi a 5 anni, e i successi ottenuti con la dieta vennero confortati dagli anni. [1] Ci? ? stato reso noto da 38 anni, per? i diabetici in genere non sono informati degli effetti della dieta, e ci? da luogo a molta sofferenza, a profitti enormi per l'industria medica e farmaceutica e alla morte inutili. Negligenza criminale intenzionale? S?: c'? una forma molto rara e grave di diabete, chiamato diabete infantile, che ? una malattia per molti versi diversa: il diabete risulta danneggiato, e non pu? produrre assolutamente insulina. Nonostante questo genere di problema, mantenere una dieta senza carne, uova e prodotti caseari e con molta fibra vegetale riduce il bisogno di insulina per iniezione di un 30%.

Diabetes and Diet
Although millions of people undergo problems with diabetes, they are not generally aware that their problems could greatly be relieved by adjusting their diet. Diabetes is the 8th leading cause of death in the United States, because diabetics are extremely vulnerable to arteriosclerosis and are highly prone to heart attacks and stroke. Most diabetics eat the standard diet that most other people eat. As a result most of them, during a seventeen year period which follows discovery of their diabetic condition, undergo major health problems, including heart attack, kidney failure, strokes, and blindness. In Lancet, the British medical publication, Dr.Inder Singh reported a study in which 80 diabetic patients were restricted to very low fat diets - 20 to 30 grams per day - and forbidden any sugar. By the time six weeks had elapsed, more than 60% of the patients no longer required insulin. The figure eventually rose to 70%, and those who were left only required a small fraction of the insulin formerly needed. All 80 cases were monitored for periods ranging from six months to over five years, and the success of the dietary change was confirmed over time. [1] This knowledge has been known for 38 years, yet diabetics are not generally informed about this dietary matter, and this results in much needless suffering, tremendous profits for the medical and pharmaceutical industry, and needless early death for many people. Willfull criminal negligence? Yes. There is a rare and very serious form of diabetes called childhood onset diabetes which in many ways is a different disease. It is a situation in which the pancreas has been injured and cannot make enough insulin, or in some cases any insulin at all. Despite this kind of problem, maintaining a meat/egg/dairy fee diet and having fiber in the diet reduces the need for external insulin by as much as 30%.

Il diabete e la presenza di minerali traccia nella dieta
Nel 1972 il dott. Walter Meltz inform? il Consiglio Per l'Avanzamento della Scienza che intendeva scommettere che la maggior parte dei pazienti che si trovavano esposti al diabete {...} sarebbero stati in grado di risolvere loro problemi con il glucosio se avessero assunto cromo con la dieta. Ci? che il medico voleva provare era che la mancanza di cromo contribuisce al peggioramento del diabete. Il lavoro del dott. Meltz non ? stato mai contestato. Il cromo sembra essere essenziale, con altri minerali traccia quali lo zinco, per il corretto funzionamento dell'insulina. Secondo Kuehnau e Von Holt, lo zinco ? necessario perch? l'insulina si leghi agli isolotti di Laangrahans nel pancreas -operazione che ? fondamentale per il funzionamento e l'integrit? morfologica delle cellule-B Cerebrali. Nel trattato avanzato sul metabolismo dei minerali, C. L. Colmar e Felix Bronner hanno anch'essi attirato l'attenzione sul rapporto tra zinco e insulina. Secondo il dott. Behne dell'Istituto berlinese Han-Meitner possono essere chiamati in causa anche il cobalto e il selenio, dal momento che la loro concentrazione varia in rapporto alla concentrazione dell'insulina e del glucosio. L'importanza clinica di questi dati ? stata sottovalutata in un articolo sul diabete giovanile apparso nel numero di aprile del 1971 della rivista Nutrition Today, che suggeriva che il metabolismo degli elementi traccia quali zinco e cromo pu? essere alterato nelle persone diabetiche. Dal momento che la dubbia pratica di raffinare la farina bianca porta ad una perdita sostanziale di tali elementi traccia, questa ? un argomento da trattare. Questi due elementi sono presenti in una dieta a base vegetare.

Diabetes and the Presence of Trace Minerals in the Diet
In 1972, Dr.Walter Metz informed the Council for Advancement of Science that he was willing to bet that a majority of diabetes-prone patients at two VA hospitals, if given supplementary amountds of chromium in their diets, would be able to better handle their body glucose. The point was to test a theory that chromium deficiency contributed to the condition. The work of Dr. Metz has never been contested. Chromium is apparently one of the trace minerals, along with zinc, that is essential to the proper functioning of insulin in the body. According to K?hnau and Von Holt, zinc is necessary for the binding of insulin to the islets of Langrahans in the pancreas - binding which is necessary for the functional and morphological intergrity of B-cells. In the advanced treatise on Mineral Metabolism, C.L. Comar and Felix Bronner also call attention to the zinc-insulin relationship. Cobalt and selenium may also be involved, since they vary in concentration with both glucose and insulin administration, according to Dr.D.Behne, of Berlins Hahn- Meitner Institute. The clinical importance of such findings was underscored in an article on juvenile diabetes appearing in the April 1971 issue of Nutrition Today, which suggested that the metabolism of trace elements such as chromium and zinc may be altered in those who have this condition. Since the dubious practice of refining wheat flour leads to a marked loss of such trace elements, this is an area which needs to be addressed. Both trace elements are available in a plant based diet.

La dieta e gli effetti sulle altre condizioni degenerative
L'eliminazione di zucchero, uova, prodotti caseari e grassi dalla dieta, più l'inclusione delle fibre e l'adozione di più vegetali, può migliorare almeno le seguenti malattie: ipoglicemia, sclerosi multipla, ulcere, costipazioni e i problemi intestinali, obesit? artrite, calcoli alla colecisti, ipertensione, anemia, asma e salmonellosi. [2]

Other Degenerative Conditions Impacted by Alteration in Diet
Elimination of sugar, meats, eggs, dairy products and fats in the diet, plus the inclusion of fiber and adoption of more of vegetarian diet, can improve at least the following conditions: Hypoglycemia, Multiple Sclerosis, Ulcers, Constipation and Intestinal Problems, Obesity, Arthritis, Gallstones, Hypertension, Anemia, Asthma and Salmonellosis.[2]


Reference
[1] Singh, I.,"Low Fat Diet and Therapeutic Doses of Insulin in Diabetes Mellitus," Lancet, 263:422, 1955.
[2] Hollenbeck, C.,"The Effects of Variations...", Diabetes, 34:151, 1985 Olevsky, J.,"Reappraisal of the Role of Insulin in Hypertriglyceridema," American Journal of Medicine, 57:551, 1974 Miranda,P.,"High-Fiber Diets in the Treatment of Diabetes," Annals of Internal Medicine, 88:482, 1978 Alter, M.,"Multiple Sclerosis and Nutrition", Archives of Neurology, 23:460, 1970 Malhotra, A., "A Comparison of Unrefined Wheat and Rice Diet in the Management of Duodenal Ulcer," Lancet, 2:736, 1982 Burkitt,D., "Dietary Fiber and Disease," Journal of the American Medical Association, 229:1068, 1974 Blaw, S., and Schultz, D., Arthritis, Doubleday, 1974 Donegan,W.,"The Association of Body Weight with Recurrent Cancer", Cancer, 41:1590, 1978 Kellgren, J.,"Osteo-arthrosis..." Annals of Rheumatic Disease, 17:388, 1958 Lucas, P.,"Dietary Fat Aggravates Rheumatoid Arthritis," Clinical Research, 29:754A, 1981 Parke,A., Rheumatoid Arthritis and Food", British Medical Journal, 282:2027, 1981. Derrick, F., "Kidney Stone Disease: Eval and Medical Management" Postgraduate Medical Journal, 66:115,1979 Kannel, W.,"Should All Hypertension be Treated? Yes" Controversies in Therapeutics, Lasagna, L. (ed) W.B.Saunders, 1980. National Academy of Sciences,"An Evaluation of the Salmonella Problem", a report to the US Dept of Agriculture and FDA, prepared by the Committee on Salmonella, National Research Council, 1969 Stoller,K.,"Feeding an Epidemic" Animals Agenda, May 1987 pg 32-33 Lindahl, O., "Vegetarian Regimen with Reduced Medication in the Treatment of Bronchial Asthma" Journal of Asthma, 22:44, 1985.


Nota: puoi vedere la pagina su archive.org!


[0] Trufax è stato un sito di denuncia per decenni. Nel corso degli anni gli articoli iniziarono a sparire a favore di volumi cartacei voluminosi che venivano venduti on line. Ogni articolo aveva precise e reali informazioni da parte di enti istituzionali, scienziati, ricercatori, medici, ecc. Queste pagine, è bene precisarlo, contengono solo una parte e non l'intero testo in quanto molto è stato perso nel corso degli anni e non ci è stato comunque concesso di tradurre ogni pagina per intero ma solo quanto esposto sul loro sito. Un lavoro incredibile, oltre qualsiasi immaginazione, che può essere reperito su www.trufax.org. Nota: lo scopo di queste pagine è far riflettere il visitatore su informazioni che erano presenti già nel 2001.

NOTA IMPORTANTE: se conoscete la lingua inglese e volete scoprire quante informazioni vi siete perse, potete cercate su archive.org le pagine "http://trufax.org/research/f8.html" cambiando il numero dopo la lettera "F". Oppure, potete andare direttamente su uno dei tanti menu principali di Trufax.

Copyright © 2000 - 2021 noguide.it Privacy
logo

Informativa sulla privacy e la navigazione

Questo sito fa uso di cookie per le preferenze e le statistiche, non viene effettuato nessun tipo di profilazione, come spiegato nelle nostre policy. Continuando a visitare il sito autorizzi al loro uso, altrimenti devi andare nella pagina privacy e configurazione per cambiare le tue opzioni.

Inoltre, visti i contenuti, ti rammentiamo e ti consigliamo di visitare questo sito solo se sei maggiorenne o, se adolescente, in presenza di un adulto.